Fiore all’occhiello delle progettazioni del Dottor Luca Protasi, è il restauro di una vecchia oliviera dell’Ottocento.

In disuso dagli anni ’50 ed usato come semplice magazzino negli ultimi trent’anni, il locale appariva unico nel suo genere, distinguendosi  per la presenza di una macina originale di grandi dimensioni (macchinario rarissimo ai giorni nostri) completata dagli strettoi e dai pilastri rotanti, tutti elementi originali e ben conservati.

Il progetto aveva come obiettivo quello di inserire questo ambiente caratteristico all’interno di una abitazione. La scelta è stata quella della rigorosa conservazione (restauro di tutti i macchinari, e rispetto per gli elementi architettonici esistenti) con inserimento di elementi contemporanei quali:

  • scale in ferro e legno
  • parapetti in ferro “corten” (arrugginito) 
  • vetro (semplice o decorato dal maestro Gino Filippeschi)
  • cucina stile “tecnico”

Significativo anche il lato tecnologico con installazione di impianto termico con pavimento radiante oltre ad impianto elettrico con tecnologia domotica.

Più esaustive di tante parole troverete le significative foto allegate che descrivono l’oliviera, prima, durante e dopo i lavoro.